domenica 13 gennaio 2008

Immondizia e dintorni

Come tutti ho letto e seguito con interesse le vicende riguardo ai rifiuti di Napoli e della Campania.
Come tutti sono rimasto colpito, e schifato di fronte a certe situazioni.

Ho cercato come sempre di farmi un opinione leggendo su internet e sui giornali, ho evitato accuratamente la televisione (come dice un caro blogger "La lavatrice del cervello").

Ho cercato di capire le ragioni delle persone che protestano, ho cercato di capire le ragioni di chi recentemente ha governato.

Ho letto con interesse diversi post di blogger, per cercare di capire e ve ne segnalo qui alcuni.

Quello di Captain's Charisma, quello di Nemo, quello della gente di Pianura.

Ho capito che la soluzione del problema immondizia passa attraverso alcuni passaggi obbligati:

1) Produrre meno rifiuti
2) Differenziarli
3) Smaltirli attraverso i termovalorizzatori o attraverso la raccolta differenziata completa per il riciclo ove possibile.

Ognuna di questi passaggi richiede tempo, volontà, come richiede tempo e volontà informarsi.

Ma una domanda (domanda per altro che mi capita spesso di farmi), è:

"Ma la gente, io, tu, voi, anche la gente di Pianura, la gente comune, il cittadino medio, dove è, dove era, mentre si riempivano le discariche, mentre non si costruivano i termovalorizzatori, o inceneritori che dir si voglia, mentre non si avviava la raccolta differenziata completa??"

Attenzione, sono vicino ai cittadini di Pianura, hanno ragione dal loro punto di vista, leggetevi il post che ho segnalato sopra, e linko qui di nuovo.
Ma mi chiedo:

Ora il Governo finalmente ha deciso che costruira tre termovalorizzatori, cosa succedera ai cittadini delle località prescelte?

Saranno candidati a nuovi blocchi, nuove proteste?

Ok, non vogliamo i Termovalorizzatori, vogliamo fare come a Treviso?

Siamo pronti?

Perchè passare dal buttare l' immondizia per strada, a non avere sempre per strada il cassonetto differenziando tutto o quasi, con la raccolta porta a porta, è non solo difficile, ma anche una vera e propria rivoluzione culturale.

Quindi per concludere, cito la domanda che Captain's Charisma pone verso la fine del suo post, in cui chiede un nome per ringraziarlo della situazione attuale e mandare

"un accorato vaffanculo…"

Beh, caro Captain's Charisma, un nome io lo avrei, da aggiungere ai molti altri, facilmente intuibili,  
ma non meno colpevole

è il mio, (ho cominciato a documentarmi di brutto sul problema rifiuti dopo i fatti di Pianura), e prima?
dormivo sonni tranquilli??

è  il nostro, nostro di cittadini, che non controlliamo, non pretendiamo, da chi ci governa; e non ci  informiamo adeguatamente.

In questo senso, un buono per il Vaffanculo credo che ce lo meritiamo.

Proposta: Perchè non usiamo i nostri blog, visto che siamo di città diverse e lontane per informarci/si sulla situazione dei rifiuti nelle rispettive città?

Buona immondizia a tutti...

3 commenti:

  1. ho accolto la proposta!!! bravo!

    RispondiElimina
  2. Il discorso dei termovalorizzatori è complesso. Qui da noi più qualsiasi altra parte. E l'ho spiegato a curly qui.

    Ma ora non parliamo degli inceneritori, che tanto nazioni che li hanno costruiti 15-20 anni fa ora li stanno sostituendo con i TMB. Come sempre qui in Italia arrivano le cose 20 anni dopo.

    Diverso direi è il discorso di dove abitate voi, che, dal nostro punto di vista, voi siete una nazione a parte. E non è detto in senso dispregiativo, tutt'altro.

    Sulla questione che sollevi riguardo la raccolta differenziata, hai parzialmente ragione. Ci vuole un cambio di cultura, ma non così esteso come credono tutti. A volte penso che davvero le persone credono che qui da noi viva un branco di selvaggi. E non dico che tu stai dicendo questo. Dico solo che le nostre realtà sono talmente lontane, che può capitare benissimo di dare per veri dei falsi miti, come tra l'altro gli stessi mass-media fanno.

    Qui, iniziando da me che ne conosco un bel po', ce ne sono di persone che non hanno alcun problema col differenziare i rifiuti, trovandolo un mondo naturale di sbarazzarsi degli stessi. In molti comuni di provincia viene già fatta la porta-a-porta. Il problema è il passo 2: questa roba viene raccolta e rimescolata tutta insieme perché ci sono delle persone che non vogliono che la differenziata funzioni.

    L'unica provincia Campana che riesce a far funzionare decentemente la differenziata, con l'eccellenza di Mercato San Severino, è Salerno. Le motivazioni ci sono e sono variegate, pertanto non starò qui a elencarle.

    Per il resto, come disse anche il sindaco di Mercato San Severino, non si speri di far funzionare la raccolta differenziata facendo un passaggio graduale: bisogna fare un cambiamento radicale dalla sera alla mattina.

    Ti assicuro, che per quanto dall'esterno un tale cambiamento possa essere una cosa ingestibile, non è così. Per due motivi. Uno, come già detto, molta gente non ha alcun problema, perché è già tarata su questa cosa. Due, nel momento in cui è l'unica opzione, credimi, non c'è popolo che si adatta più velocemente di un napoletano.

    Resta il problema principale: deve essere assicurato la raccolta e il riciclaggio. Questo resta il vero scoglio. Se noi facciamo tutti bellini la nostra differenziata e poi chi viene rimescola tutto per poi stoccarlo su qualche terreno della Camorra o andarlo poi a sotterrare in una delle tante discariche abusive, non cambia granché, ti trovi?

    Voglio riconoscere anche le colpe della popolazione, ma su certe cose non si può pretendere che la popolazione si muova da sola, quando le Istituzioni non solo non ti appoggiano, ma parteggiano per il tuo avversario (la Camorra).

    Quindi insieme a tutta questa bellissima educazione civica che io sono il primo ad auspicare (credimi, soffro come pochi in questa situazione e in generale nella situazione di chi sa che la sua raccolta va in malora), bisogna eliminare anche il problema che il tutto venga sempre gestito dalla Camorra.

    Ma, ahimè, 25 anni di vita sulle spalle mi bastano a dire che ci credo poco. Ed è evidente dalle scelte del governo centrale, che prende decisioni apparantemente senza senso, ma che un senso ce l'hanno nella testa di chi, al posto loro, ha scelto già cosa fare (e mi riferisco sempre al sistema). Addirittura Prodi ha dato un out-out assurdo: o in 4 mesi avete una differenziata funzionante o commissario ogni provincia. Ma bravo. Dai spazio alla Camorra di mangiare un altro poco. Ostacoleranno la differenziata al fine poi di godersi i soldi che arrivano insieme ai commissari. So' 15 anni che inviano soldi e commissari pur sapendo che fine fanno. I primi camorristi sono loro a Roma.

    Ad ogni modo, io la mia parte la faccio da una vita. E anche se ho sempre cercato di fare di più, tra non molto, per un bene superiore, mi dichiarerò sconfitto: vado via, fuori Italia.

    RispondiElimina
  3. http://instabilemotivamente.splinder.com/post/15670390/Premio+%22D+eci+e+lode...%22 :-)

    RispondiElimina