sabato 30 gennaio 2010

Recensione: Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters

Conoscevo questo libro da diversi anni pur non avendolo mai letto, e sapevo per sommi capi di cosa parlava.

Girovagando in una mattinata di ferie, mi è capitato di notarlo sullo scaffale di una libreria, ne ho aperto una pagina rimanendone stregato.

Il libro è composto da una serie di poesie-epitaffi, che si dispiegano nella visita in cui l' autore ci conduce al cimitero di Spoon River, e mentre transitiamo, ogni tomba, ogni defunto, finalmente libero da ogni costrizione e convenzione sociale oltre che dalla vita, narra quello che pensa della vita stessa, o di ciò che in vita gli è accaduto.

E' un opera bellissima, di cui ne consiglio la lettura, da leggere con calma, è un libro che lega la verità, la vita e la morte, amalgamandole nelle poesie dei personaggi, poesie nello stesso tempo profonde ma sempre semplici, immediate.

Alcune di esse mi hanno toccato il cuore e stimolato la mente, costringendomi a fermarmi, a considerare o a riconsiderare alcuni aspetti e significati della mia esistenza.

Nessun commento:

Posta un commento