venerdì 2 aprile 2010

Buona Pasqua?

 

E' prassi in questi giorni scambiarsi questo augurio: "Buona Pasqua".

Ma Buona Pasqua perchè? Cosa è la Pasqua?

Dovete sapere o ricordare che duemila e dieci anni fa un uomo innocente di nome Gesù, è stato imprigionato.
Chi aveva allora l' autorità cercò di liberarlo non trovando colpe tali da giusticarne la pena capitale, ma alcuni (non ben intenzionati), fecero pressione perchè venisse condannato, e chi ne aveva l' autorità lasciò scegliere al popolo, che scelse, e condannò un innocente (ricordiamocelo  quando ci riempiamo la bocca di volontà del popolo).

L' uomo fu messo in croce soffrì, e morì.

Assieme a lui c' erano anche due ladroni, anche loro presumo hanno sofferto e saranno morti.

Il punto è questo, l' uomo diversamente dai ladroni disse una frase negli anni prima della morte:

"Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà"   - Vangelo di Giovanni 11:25

Ecco, oggi stasera, voglio ricordare questo uomo che è morto molti anni fa, e la frase che ha detto.

Perchè il senso della Pasqua, il senso di questo venerdi è tutto qui, oserei dire il senso della vita, e in quest uomo, quello che gli accadde in questi giorni e la sua frase.

Il resto, i giorni di festa, i pranzi, le cene, le tradizioni, le visite, gli auguri, le uova di pasqua sono nulla, sono contorno, e il  contorno non è il piatto principale, il contorno appunto serve ad esaltare qualcosa che è il centro, la cosa più importante.

Comunque la pensiate, sulla religione e su quest uomo, proviamo ad aprire oggi il vangelo e leggere, ricordare i fatti di tanti anni fa.

Se posso esservi utile consiglio:

Vangelo di Luca capitoli 22 e 23

L'immagine è il Cristo crocifisso di Diego Velasquez dipinto del 1631 attualmente a Madrid al Museo del Prado

Nessun commento:

Posta un commento