domenica 5 settembre 2010

L' albatros, i marinai, il Poeta e i miei pensieri

 

C'è una poesia di Charles Baudelaire, molto bella e tra le mie preferite, il cui titolo è Albatros.

Dice così:

Spesso, per divertirsi, i marinai,
catturano albatri, grandi uccelli di mare,
che seguono, indolenti compagni di viaggio,
la nave che scivola sugli abissi amari.
Appena deposti sulla tolda
questi re dell'azzurro, vergognosi e timidi,
se ne stanno tristi con le grandi ali bianche
penzoloni come remi ai loro fianchi.
Com'è buffo e docile l'alato viaggiatore!
Poco prima così bello, com'è comico e brutto!
Uno gli stuzzica il becco con la pipa,
un altro, zoppicando, scimmiotta l'infermo che volava.
Il Poeta è come quel principe delle nuvole,
che sfida la tempesta e ride dell'arciere;
ma, in esilio sulla terra, tra gli scherni,
con le sue ali di gigante non riesce a camminare.

 

La trovo bella perchè paragona la maestosità del albatros in volo, la sua bellezza, la sua superiorità quando è nel cielo, a paragone con la goffaggine di quando si trova sulla terra.

Mi fa pensare a cosa è l' uomo, capace di volare in alto di elevarsi e migliorare, di tirare fuori quanto di divino c'è nel proprio animo.

Ma anche capace di scendere a bassezze, sotterfugi e di inventarsi scuse, di creare muri fisici e culturali, per complicare la propria vita e quella degli altri in modo tale che come nel suo inconfondibile stile dice Saramago in Memoriale del Convento "persino il Diavolo si stupisce della sua innocenza e misericordia, lui un supplizio cosi non lo ha mai immaginato a coronamento delle punizioni del suo inferno"

A volte su questo rifletto e mi capita davvero di sentirmi come il Poeta della poesia, tra gli scherni di "marinai" che non sanno concepire altro che la tolda della nave, o terrestramente parlando di persone che hanno perso o non hanno mai avuto la capacità di immaginare che si può vivere diversamente.

Penso che il problema non è il povero albatros goffo sulla tolda, ma la ciurma che non vuole elevarsi e realizzare le proprie potenzialità.

Nessun commento:

Posta un commento