domenica 19 settembre 2010

Recensione: Noi di Walter Veltroni

 

Il personaggio Walter Veltroni politicamente mi piace e ne conoscevo le idee e posizioni politiche, molto di quanto dice infatti lo condivido, e mi ha incuriosito molto scoprire che aveva scritto un romanzo, e facile decidere di acquistarlo.

Come mi capita spesso lo ho lasciato sullo scaffale per un pò, non mi piace infatti correre dietro alle mode, nemmeno quelle letterarie.

E quando ho iniziato a leggerlo ho scoperto un bel libro, un bel romanzo.

Il libro racconta le vicende di una famiglia, la famiglia Noi appunto, e le racconta attraverso 4 capitoli che sono 4 snodi fondamentali della loro vita Il 1943, il 1963, il 1980 e il 2050.

E' un libro semplice, forse non un capolavoro della letteratura, ma un bel libro scorrevole e piacevole nella lettura, ma impareggiabile quando con assoluta semplicità parla di cosa sia il grigio nella vita degli uomini, o del rapporto tra noi e Dio.

I libri infatti sono un po' come le persone, ne conosci tante con le quali intrecci parole, frasi, discorsi ma poche sono quelle che ti colpiscono, per una frase, un pensiero, un gesto magari inconsapevole.

E in quel istante la tua mente si ferma, il mondo è li ti scorre a fianco, e pure tu sei li in quello spazio in quel tempo, ma la tua mente è da un altra parte e ti accorgi che quella frase, quel pensiero, quel gesto ti ha lasciato il segno, ti ha cambiato e da allora sei diverso.

E forse varrebbe anche solo per questo leggerlo, perchè leggendo quei passi, quelle righe, forse ci capiremmo meglio e magari comincieremo a pensare prima di agire, prima di parlare, prima di scrivere.

Per far si che in questi tristi tempi fossimo un pò diversi.

Nessun commento:

Posta un commento