domenica 12 dicembre 2010

Recensione: Il cimitero di Praga di Umberto Eco

 

Di solito per abitudine non corro dietro nella scelta dei libri da leggere alla moda o al ultimo uscito, ma Umberto Eco è Umberto Eco!

Come dire, non mi aspettavo niente di meno e vi ho trovato tutto quello che mi aspettavo da un autore di cosi grande fama.

Il romanzo è bello, scorrevole, infatti volendo si legge velocemente.

Ma come molte opere di Eco può trarre in inganno visto che permette diversi livelli di lettura e di godibilità, sta al lettore scegliere e affinare il proprio particolare gusto per coglierne le sfumature.

Il libro è paragonabile a una passeggiata in montagna, puoi farla velocemente per arrivare alla meta finale, ma rischi di perderne i particolari e non comprendere la bellezza di quello che ti circonda, ecco perchè a volte è necessario fermarsi, sedere su una panchina e osseravare.

Cosi anche per questo libro puoi leggerlo tutto di un fiato, ma per goderlo appieno bisogna a tratti fermarsi.

Per approfondire o conoscere per la prima volta i fatti storici che fanno da sfondo alla vicenda del protagonista, e che se compresi permettono di comprendere al meglio e a fondo il periodo in cui vive il protagonista e tutto il romanzo.

E' anche un libro inquietante, bella e tremenda la frase del autore

"Eccetto il protagonista, tutti gli altri personaggi di questo romanzo sono realmente esistiti e hanno fatto quello che hanno fatto. E anche il protagonista fa cose che sono state veramente fatte, tranne che ne fa molte, che probabilmente hanno avuto autori diversi"

Inquietante davvero, e vi invito a leggere il libro per capire al meglio la mia frase.

Il libro è inoltre di una stretta attualità anche se narra di fatti non recentissimi, perchè le nostre paure sono le stesse, come purè il modo di crearle, questo mi ha fatto molto riflettere considerando a quali conseguenze ha poi portato.

Buona lettura.

Consigliatissimo è Umberto Eco.

1 commento:

  1. "Il cimitero di Praga" è il regalo che ho comprato per Natale per mio marito :)
    quando lo finirà lo leggerò io..
    grazie per la recensione
    ciao

    RispondiElimina