martedì 2 luglio 2013

Recensione: “La Chiesa di Francesco” di Vittorio Messori

 

MessoriDa quando Jose Maria Bergoglio è diventato il Papa Francesco I in libreria sono comparsi moltissimi libri sulla sua figura, storia e pensiero.

Non potendo leggerli tutti ne ho cercato uno che mi permettesse di concentrarmi sul suo pensiero (e quindi sull’indirizzo che darà o cercherà di dare alla Chiesa Cattolica) piuttosto che sulla sua biografia.

Ho deciso quindi di leggere il libro scritto da Vittorio Messori, autore di cui fino ad oggi non avevo mai letto nulla.

Il libro mi è in parte piaciuto ma non era esattamente quello che mi aspettavo; la prima parte che ho comunque apprezzato è una dissertazione di Messori sul Cattolicesimo e sulla sua evoluzione.

La seconda parte parla invece del Papa e del suo pensiero, e qui ne ho trovato piena soddisfazione.

Sul Papa Francesco per alcune scelte, per alcune dichiarazioni oltre che la sua storia personale vedo un segno di discontinuità rispetto al passato.

Sicuramente è un personaggio diverso e particolare e certo come scrive anche Messori nella scelta di un Papa ci sono certo valutazioni umane ma anche ispirazione dello Spirito.

Ma ho l’ impressione che le aspettative notevoli che si stanno caricando su di lui siano forse rivolte ad una radicale evoluzione della Chiesa; tesa quasi a rivoluzionarla e snaturarla piuttosto che a riformarla.

Io credo che la Chiesa (qualsiasi chiesa) non essendo un club dove si possa cambiarne lo statuto, ne solo un ente caritativo è anche soprattutto parte terrena di qualcosa che trascende l’ umano, di qualcosa di divino insomma.

Io ritengo quindi che su alcuni argomenti la Chiesa non può ne potrà scendere a patti o “modernizzarsi”.

Troverà Papa Francesco la giusta strada per riformarla senza snaturarne il senso e la finalità?

Riuscirà a stimolare le coscienze e riavvicinare l’ uomo a Dio?

Difficile a dirsi. Di certo per chi vuole (non necessariamente solo per chi crede) grande è l’ occasione di confronto, riflessione e introspezione.

Nessun commento:

Posta un commento